Ricerca
Lot 425: Brindisi. Federico II (1197-1250). Mezzo augustale. D/ CESAR AVG °IMP ROM
Busto laureato e drappeggiato a destra entro cerchio perlinato.
R/ +FRIDE RICVS
Aquila stante volta a sinistra con testa retrospicente, entro cerchio perlinato. Ai lati dell'aquila due globetti.
Kowalski M91/B84 SP 104 MIR 267. AU. g. 2.63 mm. 16.00 RRR. Attribuibile per accoppiamento di coni (Kowalski) alla zecca di Brindisi. Esemplare di grande rarità per tiratura rispetto all'augustale. Eccezionale freschezza e stile. qSPL/SPL. Federico II Hoenstaufen, discendente da parte della madre dalla dinastia Normanna degli Altavilla fu sicuramente una delle personalità più affascinanti del medioevo europeo. Conosciuto con gli appellativi di stupor mundi ('meraviglia o stupore del mondo') e puer Apuliae ('fanciullo di Puglia') si contraddistinse per la forte attività legislativa e di innovazione artistica e culturale che portò la sua corte ad essere crogiolo di culture come quella greca, latina, germanica e araba. Una delle sue grandi innovazioni fu l'emissione dell'augustale e del mezzo augustale, monete in oro paragonabili per stile e ritrattistica a quelle degli antichi Cesari.
Il suo amore per il mondo classico infatto lo portò ad ottenere i titoli di Re dei Romani (dal 1212) e poi Imperatore del Sacro Romano Impero (incoronato dapprima ad Aquisgrana nel 1215 e, successivamente, a Roma dal Papa nel 1220) oltre ad essere Re di Sicilia, Duca di Svevia e Re di Gerusalemme.
Base d'asta € 10000
Prezzo attuale € 10000
Bids: 1
LOTTO NON IN VENDITA - LOT NOT ON SALE