Ricerca
Lot 425: Un San Gennaro principesco.
Spilla in oro, diamanti, pietre preziose e smalti con le insegne dell'Ordine di San Gennaro.
Teca ovale, in forma di spilla, contenente l'immagine di San Gennaro benedicente in abiti vescovili (smalti bianchi, rossi e blu, diamante su mitra e smeraldo su
spilla del mantello), che tiene in mano ampolle (rubini) su libro e verga pastorale (oro). L'immagine è contenuta entro cornice a crescente composta da 26 diamanti taglio rosetta e terminante con una stella con al centro un diamante.
Bordo, rovescio e spilla in oro.
440 x 360 x 70 mm.
Per stile, materiali ed esecuzione, il Santo presenta inequivocabilmente la stessa fattura delle insegne dell'Ordine di San Gennaro della Real Casa di Borbone Napoli del XIX secolo. L'ordine fu fondato il 3 gennaio 1738 da Carlo di Borbone Infante di Spagna e Re delle due Sicilie in occasione del suo matrimonio con la principessa Amalia di Sassonia, per tramandare il ricordo del fausto evento. L'onorificenza veniva concessa ai capi delle grandi famiglie magnatizie del Regno e ai più illustri funzionari per meriti speciali. Era un ordine rigorosamente maschile.
La fattura del gioiello presenta due stili esecutivi. Il Santo all'interno della teca presenta i medesimi materiali e strutture compositive delle insegne dell'Ordine realizzate dai fornitori della Real Casa, come dimostrano confronti con le insegne ottocentesche. E' probabile quindi che si tratti di un particolare tratto da un'insegna cavalleresca o realizzato dai medesimi orafi fornitori della Corte. La teca in cui San Gennaro è contenuto presenta una fattura di stile diverso, più vicina al lavoro degli orafi tedeschi o francesi. Il tutto è databile attorno ai primi anni dell'Ottocento.
E' possibile formulare l'ipotesi che il gioiello sia un dono reale a un personaggio femminile, tra i quali, non è da escludere, Carolina di Borbone-Due Sicilie duchessa di Berry (Palermo, 5 novembre 1798- Castello di Brunnsee, 16 aprile 1870), peraltro vissuta tra Francia e Austria. Ciò è suggerito anche dal crescente lunare di diamanti, a forma di C, che delimita il bordo a sinistra della teca.
Condizioni perfette.
Base d'asta € 5000
Prezzo attuale € -
Bids: -
LOTTO NON IN VENDITA - LOT NOT ON SALE